Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Novembre: Che cosa è successo?

2 months ago

QUICK LOOK
I MERCATI

Novembre

8,9%

S&P 500

7,9%

EURO STOXX 50

1,8%

FTSE 100

6,2%

CAC 40

9,5%

DAX 30

5,1%

BEL 20

7,2%

FTSE MIB

11,5%

IBEX 35

5,4%

TOPIX
   
 Fonte dati: Bloomberg 30.11.2023
Un rally incredibile

Un rally incredibile

I mercati azionari e obbligazionari hanno registrato un rally sorprendente. Perché proprio adesso? Tutto è dipeso da messaggi percepiti come più accomodanti da parte della Federal Reserve (Fed). I mercati hanno metabolizzato il tetto massimo dei tassi d'interesse “più alti per più tempo” e prevedono che il prossimo movimento dei tassi sarà al ribasso. I mercati dei futures della Fed scommettono sul primo taglio a metà del prossimo anno. I mercati obbligazionari riflettono le aspettative di tassi in calo e rendimenti più bassi, il che significa aumento dei prezzi delle obbligazioni. Tassi di interesse più bassi uniti a dati economici resilienti costituiscono generalmente un buon contesto per le azioni.

Non è il momento migliore per il petrolio

Non è il momento migliore per il petrolio

I mercati petroliferi stanno attraversando un momento complicato. Nonostante le continue tensioni in Medio Oriente, il prezzo del petrolio è sceso bruscamente verso i 77 dollari al barile. I principali produttori di petrolio, rappresentati dall’OPEC+, ritengono che il prossimo anno la domanda potrebbe diminuire in modo significativo, nonostante le diffuse aspettative di un atterraggio economico più morbido. La loro risposta è stata l’elaborazione di un piano per ridurre ulteriormente la produzione, garantendo che l’offerta rimanesse limitata e consentendo pertanto ai prezzi di salire. Ciò non aiuterebbe a combattere l’inflazione, né sarebbe vantaggioso per la campagna elettorale del presidente Joe Biden, in vista delle presidenziali americane del prossimo anno.

Porte girevoli

Porte girevoli

Il fondatore di OpenAI, Sam Altman, è stato improvvisamente licenziato dal consiglio d’amministrazione della società per ragioni che non sono state chiarite. È possibile che il consiglio di OpenAI, il cui obiettivo primario dichiarato era il benessere dell'umanità, fosse preoccupato per la corsa alla commercializzazione dei progressi tecnologici prima di comprenderne appieno le conseguenze. Ora si è insediato un nuovo consiglio, la cui sfida sarà quella di allineare innovazione e profitto alla sicurezza. Microsoft, il più grande sostenitore di OpenAI, si era offerta di assumere Altman alla guida della propria iniziativa sull'intelligenza artificiale, prima che venisse improvvisamente reintegrato come CEO.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.