Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Monthly Review - Gennaio 2024

17 days ago

Quick look on
The Markets

Gennaio

1.7%

S&P 500

2.9%

EURO STOXX 50

-1.3%

FTSE 100

1.6%

CAC 40

0.9%

DAX 30

-1.1%

BEL 20

1.7%

FTSE MIB

0.2%

IBEX 35

7.8%

TOPIX
Source: FactSet 31.01.2024
Singhiozzo macro

Singhiozzo macro

I mercati hanno rivisto le rosee previsioni economiche del mese precedente, quando la Federal Reserve (Fed) aveva dato il via libera ai tagli dei tassi d'interesse. Malgrado il miglioramento dei PMI di gennaio negli Stati Uniti e in Europa, il nuovo anno ha portato dati deludenti. La Banca Mondiale ha dichiarato che gli ultimi cinque anni sono stati i peggiori mai registrati per la crescita economica. E i prezzi al consumo sono generalmente aumentati. Le rotte di navigazione attraverso il Mar Rosso sono state deviate, causando pressioni sui costi di trasporto. Potrebbe conseguirne un incremento dell’inflazione dei prezzi dei beni. Lo stesso dicasi per i tagli dei tassi attuati dalla Fed in marzo. La previsione di inizio gennaio di una probabilità dell’80% è rapidamente scesa al di sotto del 50%.

Lancio degli ETF su bitcoin

Lancio degli ETF su bitcoin

Dopo un attacco hacker dell'ultimo minuto alla Securities and Exchange Commission (SEC) di New York, sono stati infine approvati undici ETF spot su bitcoin.  Alcuni portano nomi familiari come BlackRock o Fidelity, altri sono sponsorizzati da specialisti digitali come Ark Securities e Grayscale. La SEC si è affrettata ad avvertire che, pur avendo approvato questi fondi, non stava approvando né avallando il bitcoin in sé. Cosa ottengono gli investitori per il loro denaro? Accesso ai movimenti del prezzo spot di questa criptovaluta altamente volatile. Il prezzo del bitcoin è salito, toccando quota 46.000 dollari prima di scendere a 38.500 dollari dopo l'approvazione.

Cambi al vertice

Cambi al vertice

I principali attori tecnologici mondiali stanno sgomitando per il primato nella classifica delle più grandi aziende. Microsoft ha superato Apple come principale titolo al mondo, supportata dalla sua esposizione all’IA grazie a un investimento nell’organizzazione di ricerca OpenAI. Per non essere da meno, Apple ha scavalcato Samsung come maggiore produttore mondiale di telefoni cellulari per volume, vendendo quasi 235 milioni di telefoni l'anno scorso. Nel frattempo, Tesla ha perso la pole position come maggiore produttore di auto elettriche al mondo a favore della cinese BYD, la cui crescita ha registrato un’accelerazione. Tesla ha poi lanciato un allarme sui ricavi, dichiarando che la crescita delle vendite sarà “notevolmente più lenta” nel 2024.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.