Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Close Look: Maggio 2024

8 days ago

Swiftonomics: cosa c’è dietro?

La richiesta di biglietti per partecipare al tour mondiale di Taylor Swift, noto come Eras Tour, ha raggiunto livelli mai visti prima. La portata dell’entusiasmo è tale che l’impatto sulle economie locali e persino nazionali è stato significativo. Tanto che la Federal Reserve (Fed) ha citato i concerti di Philadelphia nel suo Beige Book a giugno 2023. Questo aumento della spesa è stato soprannominato “Swiftonomics”. Diamo uno sguardo più da vicino a come una fenomenale cantante pop si sia potuta trasformare in un fenomeno economico.

La ripresa economica, in quanto il tour dei concerti si svolge in tutto il mondo, non riguarda solo la vendita dei biglietti. Per i fan, noti come "Swifties", l'esperienza completa richiederà la spesa per l’acquisto di vestiti e articoli di merchandising, nonché per sistemazioni e cibo. Si stima che la spesa totale pro capite possa superare i 1.300 dollari. Come ha osservato la Fed lo scorso anno, i concerti hanno contribuito al mese più forte di Philadelphia per quanto riguarda i ricavi alberghieri post pandemia. In effetti, la spinta economica percepita da una città che ospita questi concerti è stata paragonata a ospitare un Super Bowl.

Le stime per l’Eras Tour indicano una spinta totale per l’economia statunitense pari a 5 miliardi di dollari da parte di “The Lucky Ones”, ossia coloro che sono riusciti ad aggiudicarsi i biglietti. Questa cifra potrebbe arrivare a 10 miliardi di dollari, considerando la spesa degli altri Swifties, che non potendo partecipare ai concerti prenderanno parte ad altri eventi in quel periodo. Anche se 5 o addirittura 10 miliardi di dollari non sposteranno l’ago della bilancia di un’economia delle dimensioni di quella statunitense, l’effetto potrebbe essere significativo altrove. Non sorprende che paesi grandi come il Canada abbiano invitato la popstar ad andare in visita. Invito che è stato accolto.

Taylor Swift non è l'unica megastar del pop ad aver scatenato enormi quantità di spesa da parte dei consumatori. Il Renaissance Tour di Beyoncé ha battuto tutti i record del 2023, con una stima di 580 milioni di dollari, in un elenco ai cui vertici figuravano anche Bruce Springsteen, Coldplay e Harry Styles. Ma l’Eras Tour ha battuto tutti i record precedenti, accumulando fino ad oggi più di 1 miliardo di dollari. E non è ancora terminato. Nel frattempo, anche il patrimonio netto di Taylor Swift dovrebbe superare 1 miliardo di dollari.

Le implicazioni economiche più ampie di tali livelli di spesa al consumo una tantum sono chiare. Dopo gli shock economici degli ultimi anni, tra cui la pandemia e l'impennata dell'inflazione, molti consumatori sono diventati più cauti e riluttanti a spendere il proprio denaro. Ad esempio, i tassi di risparmio rimangono elevati in gran parte dell’Europa, anche se il rinnovato entusiasmo dei consumatori statunitensi per la spesa ha portato i tassi di risparmio ai livelli pre-pandemia. Inconsapevolmente, gli Swifties in tutto il mondo hanno fatto la loro parte, fornendo un gradito slancio alle loro economie nazionali, adorando il loro idolo.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.