Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Close Look: Febbraio 2024

one month ago

Esuberanza irrazionale

L’espressione “esuberanza irrazionale” si applica sempre di più alle prestazioni stratosferiche di alcune aree del settore tecnologico. Descrive una situazione in cui l'ottimismo del mercato supera le previsioni di profitto più razionali. Un termine alternativo potrebbe essere “pensiero nuovo”, quando i mercati prevedono che il potere di trasformazione di un nuovo prodotto o tecnologia produrrà guadagni eccezionali. Tra gli esempi storici si annoverano il boom delle dotcom, la Nifty Fifty, la bolla del Mare del Sud e la bolla dei tulipani. Ma da dove nasce questa espressione?

Le parole “esuberanza irrazionale” sono state pronunciate per la prima volta da Alan Greenspan, allora presidente della Federal Reserve americana, in un suo discorso del 1996. Si riferiva al fatto che i premi di rischio nel mercato azionario, di norma superiori a quelli pagati dai possessori di titoli di Stato, erano in forte calo. Ciò aveva prodotto un’impennata delle valutazioni azionarie, con la crescita a dismisura della bolla delle dotcom. Greenspan aveva posto questa domanda: "Come facciamo a sapere quando l'esuberanza irrazionale aumenta ingiustamente i valori degli attivi?"

La stessa domanda si potrebbe porre oggi, all’inizio del secondo anno del boom dell’intelligenza artificiale (IA). Le società direttamente coinvolte nell’intelligenza artificiale hanno assistito a brusche e ripetute revisioni al rialzo delle loro previsioni di utili. Al punto che, nonostante i recenti balzi delle quotazioni di Nvidia e dopo il triplicarsi del suo valore rispetto all’anno scorso, le previsioni sulla velocità di crescita degli utili della società hanno superato anche questo aumento.

Non è irragionevole che una società in forte crescita sia scambiata a un multiplo degli utili più elevato rispetto a quello di una società a crescita più lenta. Ma i multipli a termine possono essere basati unicamente sulle previsioni o sulle migliori stime delle future prospettive commerciali. Senza una sfera di cristallo, più lontane nel tempo sono le proiezioni, meno affidabili diventano. Profitti straordinari di norma attirano la concorrenza a scendere in campo e potrebbero alla fine tradursi in una regolamentazione più severa. E tutto questo più rapidamente di quanto ci si possa aspettare.

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale generativa è stato definito una “singolarità”. In altre parole, un evento ritenuto superiore alle capacità dell'intelligenza umana. La stessa parola è usata per i buchi neri, che hanno caratteristiche al di là della comprensione umana. Resta da vedere se la rivoluzione dell’IA porterà a lunghi anni di profitti straordinari per chi si è mosso per primo. Man mano che la concorrenza e la regolamentazione si susseguono, c'è il rischio reale che le previsioni attuali possano un giorno essere viste come il trionfo della speranza sull'esperienza. Sebbene le prospettive per alcune aree del settore tecnologico potrebbero indicare una crescita degli utili ampia e sostenuta, l'approccio razionale sarebbe quello di detenere tali investimenti come parte di un portafoglio diversificato.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.