Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Market Snapshot - Gennaio 2024

15 days ago

Mercati

Azioni

A gennaio le azioni globali hanno registrato un andamento contrastato e l’indice MSCI World ha chiuso in rialzo dell’1,2%. I titoli giapponesi si sono aggiudicati i migliori risultati, favoriti dai solidi utili societari e dall’indebolimento dello yen (TOPIX +7,8%). Anche le azioni statunitensi hanno guadagnato terreno (S&P 500 +1,7%), sostenute dal rialzo progressivo delle azioni che si ritiene beneficeranno della crescente diffusione dell’intelligenza artificiale. Anche i listini azionari europei hanno ripreso slancio (MSCI Europe +1,6%). Viceversa, le piazze emergenti sono arretrate (MSCI EM -4,6%) sotto il peso dei deboli rendimenti cinesi (MSCI China -10,5%).

Obbligazioni

Le obbligazioni globali hanno perso forza al venir meno delle speranze di un taglio dei tassi già a marzo, data la riaccelerazione dei tassi d’inflazione e un avvio d’anno, nel 2024, più forte del previsto per quasi tutte le economie. Il rendimento del Treasury USA a 10 anni è salito di 7 punti base (pb) al 3,95%, mentre il rendimento del Bund tedesco a 10 anni ha guadagnato 18 pb salendo al 2,18%. Le obbligazioni societarie si sono difese meglio del debito pubblico e l’high yield ha sovraperformato le obbligazioni investment grade.

Valute

A gennaio il dollaro USA si è apprezzato, grazie all’approccio della Fed che ha escluso l’urgenza di tagliare rapidamente i tassi di interesse. L’euro si è indebolito rispetto al dollaro, rafforzandosi invece rispetto allo yen giapponese. La Bank of Japan ha evidenziato che l’aumento dei salari rende più sostenibile un tasso d’inflazione del 2%, indicando tuttavia di non avere fretta di abbandonare la sua politica iperespansiva.

Materie prime

Il greggio ha registrato un aumento delle sue quotazioni per effetto della temuta interruzione delle forniture a causa dell’acuirsi delle tensioni nel Mar Rosso e dei rischi di contagio del conflitto tra Israele e Hamas all’intera regione. Il Brent ha ceduto l’8,3% e chiuso a 80,53 $ al barile. I prezzi dell’oro sono scesi leggermente nel corso del mese, mantenendosi comunque al di sopra dei 2.000 dollari l’oncia troy.

Market Volatility

Volatilità di mercato

A gennaio la volatilità è balzata al 15,3% e l’indice Vix ha chiuso a 14,4. Tuttavia, l’indice si è mantenuto sotto quota 20 - un livello che solitamente indica la stabilità del mercato.

Investimenti responsabili

Morningstar ha riferito che, per la prima volta nella storia, negli ultimi tre mesi del 2023 i fondi sostenibili globali hanno registrato deflussi netti trimestrali, principalmente a causa dei consistenti movimenti in uscita dai fondi statunitensi. Per contro, i fondi sostenibili europei hanno continuato ad aumentare la raccolta.

In breve

  • Le banche centrali hanno messo in guardia i mercati finanziari dal rischio di troppo confidenti nei tagli dei tassi di interesse durante il primo trimestre di quest’anno, dopo la modesta accelerazione dell’inflazione primaria a dicembre seguita dai primi segnali di rafforzamento dell’attività economica a gennaio.
  • In occasione della riunione dell’ultimo giorno di gennaio, la Federal Reserve (Fed) ha mantenuto i tassi fermi. I responsabili delle politiche statunitensi hanno escluso interventi di taglio dei tassi fino a quando il livello generale dei prezzi non convincerà di aver intrapreso una direzione saldamente ribassista, verso quota 2%.
  • Anche la Banca centrale europea (BCE) ha deliberato di lasciare invariati i costi di finanziamento. La Presidente della BCE Christine Lagarde ha convenuto che la fase più intensa della lotta all’inflazione dovrebbe essere ormai superata e che il “processo di disinflazione è in atto”, indicando tuttavia la stagione estiva come il momento più probabile per una riduzione dei tassi.

In primo piano

  • Gli attacchi dei ribelli Huthi nel Mar Rosso hanno indotto molte compagnie a evitare il Canale di Suez, optando per la più lunga rotta intorno all’Africa. I costi di spedizione e i tempi di consegna dovrebbero di conseguenza aumentare, con possibili ripercussioni sull’andamento dell’inflazione.
  • A dicembre l’inflazione primaria si è rafforzata, ma i primi dati di gennaio evidenziano di nuovo una tendenza ribassista. Nell’Eurozona l’inflazione è passata dal 2,9% di dicembre al 2,8% di gennaio, anche se il rallentamento è stato più contenuto di quanto previsto dagli analisti.
  • Il PIL cinese è cresciuto del 5,2% nel 2023 - l’anno più debole per l’economia dal 1990, escludendo l’anno della pandemia. Le autorità cinesi continuano a promettere sostegno, ma finora le misure adottate non sono state all’altezza. Ciononostante, si prevede che la banca centrale ridurrà ulteriormente i tassi.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.